Dandy il piccolo da 1100m di impermeabilità

Ciao a tutti, incominciamo questa nuova avventura su Horbiter Cafè presentando a chi non lo conoscesse il piccolo di casa ed anche l’ulimo arrivato… il Dandy, 95 gr di titanio grado 5 in grado di superare i 1100 metri di profondità. sempre e solo made in Italy, per noi un vanto assoluto.
Il Dandy è in grado di accompagnarvi nelle vostre giornate lavorati in giacca e cravatta e nei vostri momenti di svago nelle più impegnative imprese sportive, secondo noi può essere il vostro orologio universale.
I nostri orologi sono volutamene prodotti artigianali. Passo passo sarei felice di raccontarvi la nostra storia e di come realizziamo i nostri orologi… allacciate le cinture…
Cosa ne pensate del piccoletto terribile?


2 Likes

Complimenti innanzitutto per averlo fatto in Titanio Grado 5. Questa scelta, da sola, meriterebbe un premio, visto il valore della lega Grado 5 e la difficoltà a lavorarlo. Che movimento monta il Dandy?

Ci piace !
Chiedo anche a nome di altri, immagino:
Per cosa sta Grado 5?

F.

1 Like

ma @osteodoctor sa che Gruppo Ardito Watches ha la sua pagina ufficiale su Horbiter|Cafè?

1 Like

lascio al maestro Fabio la risposta
@fabiochiappino

Grado 5 è una identificazione che si conferisce al titanio in lega con Alluminio e Vanadio, anche detto Ti6Al4V. Il titanio grado 5 è la forma più nobile del titanio lavorabile, la durezza è molto elevata, così come l’usura, caratteristica che lo differenzia da un grado 2 ad esempio utilizzato da moltissime aziende produttrici di orologi, che è contraddistinta da leggerezza ma non di durezza elevata. Costi e tempi di lavorazione inferiori lo rendono molto più utilizzato di un grado 5.

1 Like

Mi viene spontanea una domanda: come mai un marchio boutique come il tuo accetta di sopportarne i costi per offrire qualcosa di superiore ed i marchi generalisti, che hanno larga disponibilità di investimenti, si “piegano” alla scelta del Titanio Grado 2?
Una curiosità, se lo sai, tra i generalisti: anche Seiko usa il Grado 2 che tu sappia?

1 Like

Grazie, cerchiamo di usare sempre componentistica al Top, il desiderio di produrre un orologio e un prodotto in genere con le caratteristiche migliori mettono sempre in secondo piano l’aspetto economico. Purtroppo e per fortuna la formazione tecnica prevale spesso nelle scelte di prodotto… Fino a che ce ne sarà la possibilità useremo ETA 2824/2… Ma credo ancora per poco da ciò che si sente

1 Like

Poi Sellita o Soprod? Oppure origine giapponese? Se si può dire.

Stiamo testando STP 11-1 e 13-1 con la regolazione a collo di cigno. Abbiamo trovato in STP, ad oggi, un possibile valido partner, sono disponibili e collaborativi anche con una micro realtà come la nostra.

1 Like

addirittura a collo di cigno? :clap: :clap: :clap:

Gli addetti ai lavori capiscono esattamente cosa vuole dire lavorare un grado 2 o un grado 5 è perché delle scelte.
Un grado 2 è lavorabile come un acciaio con circa le stesse velocità di lavorazione e tempi di realizzazione dei pezzi. I costi si ragionano in base al tempo che serve per fare un pezzo e al tipo di macchina, più è sofisticata e più il costo orario sale.
Un grado 5 richiede macchine performanti, a causa della durezza elevata le passate sul pezzo sono basse ergo ci va circa il doppio del tempo, unito al costo macchina superiore e alla usura elevatissima degli utensili. Per dare un’idea per fare un filetto su una nostra cassa in acciaio la vita dell’utensile è di parecchie casse intere circa 25 filettature, idem per un grado 2.per un grado 5 distruggi un maschio da 40 euro ogni 2/3 filetti.
Sicuramente il fattore costi incide molto su certe scelte anche di marchi blasonati. Come detto in GAW pensiamo prima al prodotto e poi alla parte costi.

2 Likes

Al momento posso dire che è un buon prodotto, direi finito molto bene

1 Like

Complimenti, questi dettagli aiutano a spiegare bene come lavorate e la differenza tra le due tipologie di scelta. :clap::clap:

Ciao Fabio,
innanzitutto mi fa piacere scoprire un nuovo marchio italiano.
Ho dato uno sguardo al sito per conoscervi un po’ meglio: prodotti molto particolari per dimensioni e design molto deciso.
Certamente il Dandy mi sembra interessante e con un buon potenziale.
Ma ho qualche domanda.
Da quanto leggo il titanio grado 5 è una scelta tecnicamente forte: è difficile da lavorare, costoso e comporta come beneficio tangibile un guadagno di peso credo (scusate, non sono un tecnico). Quanto per curiosità, 95gr vs ??
Da professionista del marketing mi incuriosisce sapere se il mercato riconosca questo superiore sforzo tecnico, visto che come leggo qui molti marchi blasonati fanno scelte diverse.
Alcuni tra i diver più prestigiosi e performanti sono in acciaio, materiale che alle caratteristiche meccaniche unisce bellezza e lucentezza.
Il Dandy non è disponibile in acciaio?

Ciao Francesco piacere mio.
Si tutto quello che scrivi è dannatamente corretto.
Il risparmio sul peso per il dandy rispetto al l’acciaio è del 20% circa, considera che è relativo alla cassa il resto è comune. In percentuale è più avvertibile su modelli come il Kraken.
Sembra una differenza trascurabile, ma al polso fa la differenza, come posso dire… È una sensazione differente…
Come scrivi molti utilizzano l’acciaio, clienti poco tecnici ritengono il titanio materiale freddo, non barluccica,quindi preferiscono l’acciaio, è di fatto un annosa diatriba tra chi lo apprezza e chi no…
Come giustamente scrivi tu, a livello marketing è complicato trasmettere la cosa. La gente compra l’acciaio, ma vorrebbe il titanio… Strano vero?
No il dandy è solo in titanio, lo affiancherà appena possibile il lince che sarà appunto in acciaio e successivamente in bronzo. Ma già c’è gente interessata che mi chiede se verrà prodotto anche in titanio…

Ciao Fabio,
una curiosità, dove si possono vedere dal vivo questi orologi?

1 Like

Ovviamente presso il nostro laboratorio ad Alessandria, previo appuntamento, oppure a Milano presso Paradiso Luxury, a Genova presso Eldorado o a Roma presso Orologi-militari.it

1 Like


Horbiter Media Group 2020