Il logo Grand Seiko: storia e curiosità

Il logo Grand Seiko è un punto di discussione molto interessante.
Al momento della decisione di che logo rappresentasse al meglio questa maison c’erano opinioni divergenti tra il punto vendita principale, Hattori Tokeiten, e le filiali, ma con il supporto della filiale di Osaka e quella di Nagoya, alla fine furono scelti i caratteri tedeschi. Fu così che nacque il logo Grand Seiko.

Un altro punto interessante da approfondire è il pittogramma che venne affiancato al logotipo Grand Seiko: il leone, animale che simboleggia forza, saggezza e potere. Simbolo che manda un segnale ben preciso a tutto il settore dell’orologeria.

immagine

Cosa ne pensate?

5 Likes

Interessante Lorenzo, non mi ero molto soffermato sul font del logo. Molto bello, elegante e unico

3 Likes

Io amo il marchio e tutto ciò che fa; la storia è interessante ed inedita. Grazie Lorenzo.

Riguardo il logo, fossi in Grand Seiko lavorerei ad un redesign. Il font non mi ha mai fatto impazzire ed a mio avviso non contribuisce a comunicare in modo equivalente su un modello Heritage e su un moderno puro.

2 Likes

Con tutta la storia che hanno dal punto di vista simbolico e grafico non capisco il perché della scelta dei caratteri tedeschi.

Un font medioevale che con la loro storia effettivamente non c’entra nulla.

@gaetan-one ormai un restyling totale è improbabile (e quasi impossibile). Possono intervenire leggermente, ma non possono più cambiare i caratteri tedeschi, ormai nell’immaginario delle persone il logo “Grand Seiko” è quello.

2 Likes

quando penso al logo di grand seiko penso a “GS” e non al “leone”.

la cultura giapponese che è ricca di simboli e animali fantastici e trovo intelligente che seiko porti avanti questa tradizione, dall’onda sui fondelli dei diver (di Hokusai) al leone di GS, come a voler creare "il re degli orologi”.

però…quando mi stampano il logo su un fondello a vista…allora dico NO

5 Likes

Certo, sono d’accordo, il bello del fondello a vista è appunto perché è “a vista” e mettere in mezzo un logo effettivamente da fastidio.

3 Likes

Nel caso del fondello a vista il logo è in trasparenza, può non piacere ma sarebbe più folle pensarlo senza… è il marchio, non può mancare!

3 Likes

@andrea d’accordo non può mancare, ma si può sempre lavorare la massa oscillante con il pittogramma del leone.

Le soluzioni ci sono :sweat_smile:

2 Likes

Io approvo la loro soluzione…

Quest’ultimo è il logo meno in trasparenza di tutti e non credo ci sia spazio per apporlo sul movimento…

3 Likes

A me l’ultimo con il leone sul vetro non piace proprio

3 Likes

La terza è la soluzione che preferisco più di tutte onestamente…

2 Likes

sì, medaglione tutta la vita. Quel crono poi è fantastico. Design manga non mainstream, ma originalissimo.

Viceversa, il laser etching on top, anche no.

2 Likes

Anche i primi due hanno lo stesso leone solo che è bianco/trasparente e nn blu…

4 Likes

Si mi sembrano meno invasivi peró

4 Likes

da vedere è più difficile di fotografare la coroncina Rolex sul vetro … si vede con difficoltà estrema, normalmente è invisibile:

3 Likes

Si effettivamente in questo caso è invisibile :joy:

2 Likes

questa foto è quasi impossibile da fare (infatti non è mia) … per me se è così è il top, vedo e non vedo, non disturba ma se vuoi vederlo c’è se ti sbatti …

5 Likes

il blu non mi piace, le altre si, in special modo il leone in oro sul rotore (solo sui calibri super spring drive o LE hibeat special).

2 Likes

Il leone è una merdaccia!

2 Likes

Il logo del Leone negli anni 60 non era prerogativa di tutti i GS, ma solo di quelli con certificazione di cronometro e come tale era esposto anche sui KING SEIKO.

In foto il mio King Seiko 4420 Chronometer:

3 Likes


Horbiter Media Group 2020