Seiko e la storia del Quarzo - Parte 1

Nonostante la maggior parte degli appassionati prediligano i movimenti meccanici, mi sembra doveroso dedicare all’interno di questo club uno spazio importante ai cinquant’anni, più precisamente cinquantuno, dalla nascita del primo orologio al quarzo, il cui anniversario cadrà tra meno di un mese, il 25 Dicembre.

La genesi della tecnologia al quarzo affonda le radici molti anni prima del debutto del primo orologio da polso al quarzo del 1969. È il punto di arrivo di una corsa al miglioramento continuo della precisione degli orologi iniziata verso la fine del 1950, anni in cui il principale obiettivo delle maison era quello di migliorare la precisione dell’orologio meccanico.

La competizione era iniziata; lo sviluppo delle tecnologie digitali avanzava e con esso le prime applicazioni ai settori più svariati. Nel 1957 uscì sul mercato Hamilton Electric Watch in cui il treno del tempo era comandato da una batteria, mentre nel 1960 Bulova lanciò un prodotto rivoluzionario, il famoso Accutron.

Prima di Seiko, fu Girard-Perregaux, nel 1966, a produrre il primo orologio da polso in grado di raggiungere i 5 Hertz di frequenza, ma la maison nipponica rispose subito nel 1967 con l’introduzione del Seiko Lord Marvel e, dalla proprio marchio di lusso, nel 1969 con il Grand Seiko V.F.A.

IL RUOLO DI SEIKO NELLO SVILUPPO DEL QUARZO.

Nel 1958 Seiko installò in una stazione radio il suo primo orologio al quarzo. Sebbene fosse di dimensioni ragguardevoli con i suoi circa 2,1 metri di altezza e 1,3 di profondità esso era in grado di misurare con precisione l’ora. Oramai il progetto 59A aveva lanciato tutti i tecnici in una enorme sfida.

immagine

Il lavoro proseguì nel 1960 quando Seiko iniziò a sviluppare un orologio da tavolo per prepararsi alle Olimpiadi del 1964 a Tokyo. Realizzò inoltre un orologio da tavolo al quarzo nel 1962, il noto Seiko Quartz Crystal Chronometer che vedete nella foto sotto (fonte: Antiquorum). Dopo le Olimpiadi, il marchio giapponese accelerò la miniaturizzazione del movimento al quarzo, presentando un prototipo di orologio da tasca ed uno di orologio da polso, nel 1966 e nel 1967, rispettivamente.

1969: IL PRIMO OROLOGIO DA POLSO AL QUARZO DELLA STORIA

Dopo anni di studi e perfezionamenti, finalmente, il giorno di Natale del 1969, arrivò nei negozi il Seiko Quartz Astron 35SQ, il primo orologio da polso al quarzo della storia.

5 Likes

Grazie Lorenzo,
in realtà diamo per scontata la tecnologia al quarzo che ha invece richiesto tantissimi anni di sviluppo.

Contrariamente a quanto si pensi, l’orologio da polso al quarzo è il frutto di un lungo processo di riduzione delle dimensioni, ciclopiche all’inizio della sua storia.

Quello che pochi sanno è che fu un americano ad inventare il movimento al quarzo: Warren Harrison.
In realtà Seiko ne ha beneficiato perché lo ha fatto entrare tra i prodotti di largo consumo, rendendo la tecnologia popolare e alimentando una industria completamente nuova.

2 Likes

Aggiungerei che con l’avvento dell’orologio al quarzo negli anni ‘70 molte maison che producevano orologi meccanici sono “andate in crisi” e hanno subito introdotto nelle loro collezioni movimenti al quarzo per stare al passo con i tempi e soprattutto con il mercato.

2 Likes

Vero! In realtà Seiko, a differenza di altri marchi ha reso immediatamente disponibile la tecnologia, favorendone la diffusione.

Lo ha fatto, a mio avviso, anche per rientrare da costi di sviluppo che credo siano stati importanti.

Diffondendo il brevetto ha in un colpo solo: diffuso la tecnologia, accorciato il piano di rientro degli investimenti, fatto fuori Bulova Accutron.

Chapeau!

2 Likes

Grazie Lorenzo, non ne conoscevo affatto la storia! 1969… stesso anno de El Primero ! Sarà forse un caso?

3 Likes

Stesso anno in cui anche lo Speedmaster divenne il Moonwatch!

3 Likes

Un anno di traguardi.

3 Likes

Ciao Lorenzo, la linea Lord Marvel nasce nel 1958, forse l’orologio al quale fai riferimento tu e il Lord Marvel 5740 con calibro 5740c che batteva appunto a 36.000 a/h del 1967, ma si tratta comunque di calibri meccanici e non al quarzo…così come il GP che ne detiene effettivamente il primato.

3 Likes

Ai ai ai Matteo…:sweat_smile:

3 Likes

si riferisce al paragrafo in cui parla della “corsa al miglioramento continuo della precisione degli orologi…” in cui cita il meccanico. Quindi al Marvel Alta Frequenza. Vero, Lorenzo?

2 Likes

Si, esatto @gaetan-one. Stiamo parlando dei movimenti meccanici ad alta frequenza.

3 Likes


Horbiter Media Group 2020