Truffa con PAM 177 (118-061 e chi più ne ha..)

Buongiorno Ragazzi,

Oggi vi racconto una storia (a lieto fine) con un seller che ha un negozio a Milano, non lontano dal mio studio… (a buon intenditor…).

Vedo sul noto sito di orologi “Chrono24” un bel PAM177 (44mm Titianio), prezzo mi sembra buono, corredato di tutto…;

Mi reco dal rivenditore, mi fa vedere l’orologio in questione, premetto che io ho avuto il PAM177 e mi mancava, volevo riacquistarlo, trovo subito delle differenze con il mio vecchio, tra queste anche il quadrante marrone e l’assenza del quadrante sandwich… da lì capisco che non è un 177 ma bensì penso ad un 118… la garanzia riportava tutti i numeri del fondello (garanzia italiana, Sanremo), cinturini non originali ma aftermarket… ma capita di trovare corredo senza più i cinturini visto gli anni.

Quindi concordo con il venditore che sarei passato l’indomani a ritirare l’oggetto, concordiamo la cifra è ci salutiamo.

Il giorno dopo torno contento come un bambino davanti al carretto dello zucchero filato… :thinking: mmm immagine non vera, non rende, riprovo: “contento ed eccitato come un maniaco sessuale nello spogliatoio femminile del film Porky’s” :rofl:

Mi danno l’orologio, io preventivamente mi ero portato da casa un “assolutamente” nuovo ed originale da montare immediatamente. :expressionless:

Chiedo gli attrezzi e mi smonto il cinturino e monto quello nuovo, nello smontare la fibbia mi accorgo che il filetto dell’ardiglione è spanato :unamused: , premessa che tutto era in perfetto stato e tutto l’orologio compreso la fibbia in titanio;

Dopo qualche peripezia monto il cinturino, metto 2 gocce di frenafiletto, lo metto al polso e pago il corrispettivo pattuito. :zipper_mouth_face:

Nel frattempo mi tirano fuori la controscatola mettono tutto il corredo dentro un sacchetto, saluto e torno a casa.

Contento come un matto, cerco di capire che diamine di referenza è, perché non mi tornava il fatto che avesse il quadrante brown con la scritta “Luminor Marina” ma con “L Swiss L”.


Incomincio la ricerca… e trovo milioni di info… alla fine… tutto portava a niente… o meglio… c’erano delle cose che non mi tornavano!

Chiamo amico in panerai e gli chiedo se può controllare un seriale, lui mi chiede dei dettagli e scopriamo che il numero stampigliato sul fondello appartiene alla Ref 111 ovvero Luminor 44 acciaio!

Qui potete vedere delle differenze che non mi facevano dormire:

Le ruote e le viti blu non mi convincevano, nelle altre ref corrette:

Quella scritta Panerai firenze doveva essere orizzontale e non verticale come nelll 036!
Qui la foto di un PAM036 (seriali stampigliati su anse)

Qualcosa non va… faccio ricerca e ricerca, vado nelle immagini di background di Google… insomma risalgo ad una immagine di un sito che faceva repliche di qualità…!!!

Cerca e ricerca … LO TROVO!!!
Qui uno screen del sito (ormai chiuso) che effettuava repliche ahimè identiche (orologio perfetto in tutto o quasi, IN TITANIOOO, con UNITASSSS):

Mi sono Trasformato nella prima persona testicolo/volante da come mi giravano… :helicopter:

Contatto da Chrono24 il seller anche se non ero passato dal sito ma in negozio personalmente (ma per maggior tutela l’ho fatto), tempo 3 minuti mi telefona chiedendomi cosa fosse accaduto, spiego il tutto con la pacatezza che non ho :massage_man: e gli dico molto serenamente :axe: che il giorno dopo mi sarei recato da lui per consegnare “il pacco” e riprendere la pecunia, lui si rende disponibile…ma non il giorno dopo ma bensì martedì (era sabato sera), attendo il martedì.

Scambio effettuato con successo, ma se c’è una cosa che so fare… è leggere i segnali delle persone, lo faccio da oltre 25 anni… lui sapeva… SICURO al 100.000%!

La morale è:
Se il “falso lo vendevano a poco più di 500$, com’è che il vero costa 10 volte tanto???!!! :rofl:

Qui una foto dell’oggetto:
(unica cosa originale è il cinturino)

1 Like

Storia con lieto fine, fortunatamente ed occhio attento.

C’è anche una cosa da dire: industrialmente la cassa, come per tanti altri, è per forma facile da realizzare.

Del resto ci sono marchi (certamente non PANERAI, per chiarezza) che fanno costruire le casse in paesi low-cost (non martoriamo la Cina, che povera già ne passa tante in questo periodo, e ce ne fa passare).

Quindi questi paesi hanno ormai assimilato competenze per fare repliche di qualità.

Un calibro Unitas si trova facilmente sul mercato ed il gioco è fatto.

Due aspetti da considerare sempre quando prendi un PAM con calibro OP XI, ad esempio:

  • i ponti hanno un disegno dedicato

  • il sistema di regolazione col-de-cygne del bilanciere (è la curva che vedi in alto sul calibro originale)

Un’altra cosa grossolana, forse la più evidente ai miei occhi, è la scritta OFFICINE PANERAI sul fondello. Il font è più alto dell’originale, l’anello troppo largo.

Hai segnalato il rivenditore a Chrono24?

1 Like

No, non ho segnalato…

Storia che mi ha fatto venire i brividi Eros ed ha accentuato il mio timore ad acquistare orologi usati…

2 Likes

Ale, purtroppo può succedere. Il metodo più sicuro per comprare usato esiste e si chiama Watchbox o Watchfinder. Ma ne esistono anche altri, quali il famoso Bob’s Watches per Rolex, e tanti altri reseller seri.

1 Like

Eh caro Ale… diciamo che molte referenze non esistono nuove, ma soprattutto io sono convinto che gli oggetti vecchi abbiano un anima, un’aura… colleziono strumenti musicali vintage oltre che suonarli e la mia Fender Strato del ‘59 o del ‘62 hanno un anima che nessun nuovo strumento può avere… così per gli orologi secondo me.

E poi… se una fa schifo a letto che fai, non “professi” più?!? :sweat_smile: scherzi a parte… ti capisco

2 Likes


Horbiter Media Group 2020