Zerographe: il mito Daytona nacque da qui

Ecco Zerographe, il primo crono Oyster di Rolex

porto alla vostra attenzione un modello di Rolex meritevole di considerazioni.


Rolex ref.3346

Mentre il Cosmograph Daytona è l’emblema di Rolex come orologio tra i più costosi mai realizzati , lo Zerographe è forse il cronografo più intrigante.

“Il cuore e le sue funzionalità“

Da non confondere con il Centregraphe ,funzionalmente identico, ma molto più comune, lo Zerographe è probabilmente il primo cronografo Rolex Oyster in assoluto, con il primo esemplare risalente al 1937.

Monta il primo cronografo Rolex di manifattura, un calibro a carica manuale da 10 1/2 “. Questo movimento ha preceduto di oltre 60 anni l’attuale calibro 4130, montato sull’odierno Daytona.

Lo Zerographe è differente rispetto ai cronografi attuali. Ha i secondi centrali costanti mentre il movimento, con il pulsante posizionato alle ore 2 serve per azzerare e riavviare istantaneamente i secondi centrali . Un meccanismo flyback che consente il cronometraggio di periodi brevi e consecutivi.

Premendo il pulsante si riporta la lancetta dei secondi a ore 12, facendo riprendere immediatamente il suo movimento a meno che il pulsante

non venga tenuto premuto il che manterrebbe la lancetta dei secondi ferma a ore 12.

“La loro carda d’identità”

I due modelli di riferimento più celebri dello Zerographe sono rappresentati dalle seguenti referenze: 3346 con lunetta rotante per minuti trascorsi.

E la ref. 3890 con una lunetta liscia. Sono modelli particolarmente rari, nel 1989 Antiquorum ha stimato una cifra inferiore a 50 pezzi.


Ref.3890

Tipico degli orologi del periodo, lo Zerographe è minuscolo per gli standard moderni, con una cassa di soli 30,5 mm di diametro per la ref. 3890, oppure 32mm per la ghiera girevole ref. 3346. Se fosse stato più grande, diciamo 37,5 mm come il Daytona “Paul Newman”, lo Zerographe sarebbe stato valutato a multipli di quello che vale oggi.

Finora sono stati venduti pubblicamente solo tre Zerographe come nel caso di molti rari orologi Rolex e Patek Philippe, tutti furono venduti ad Antiquorum nel suo periodo di massimo splendore di Osvaldo Patrizzi.

Il più importante è il ref. 3346 con quadrante nero “California” che è stato venduto all’asta tre volte: Antiquorum nel 1992 per l’equivalente di circa € 33.000 del valore attuale, Christie’s nel 2013 per € 387.750 e più recentemente Phillips nel 2016 per € 389.000.

Il che rende ancora più significativo il fatto che l’asta di orologi di Hong Kong di Phillips mise in vendita con la collezione del rivenditore parigino Laurent Picciotto un paio di Zerographe ref. 3890.

Entrambi hanno quadranti diversi, ma incredibilmente nuovi di stock. Usando una frase nota nel mondo delle aste di orologi “sono freschi sul mercato” non essendo mai stati venduti pubblicamente prima.

Secondo una leggenda del settore, alcuni anni fa in un luogo misterioso sono stati scoperti un numero esiguo di nuovi orologi Zerographe di vecchia data, gli orologi si differenziano sono per 87 numeri di cassa.

Il primo è uno Zerographe ref. 3890 con scala tachimetrica sul quadrante. È in ottime condizioni conservato con ancora parte della lacca protettiva verde sulla cassa.

Insolitamente i numeri delle ore sono stampati e in rilievo smaltati di blu per abbinare le lancette. Una caratteristica degli orologi di quell’epoca è la scritta stampata sul quadrante che risulta sfocata e imprecisa.

Il secondo è dotato di un quadrante pulito e funzionale con indici di colore rosso.

Come il precedente esempio, questo è in ottime condizioni, con la lacca di protezione verde ancora presente in vari punti della cassa.

Entrambi gli Zerografi hanno una stima che va da € 1,2 milioni a € 2,0 milioni, e da €150.000 a € 250.000.

Siete rimasti stupiti dalla storia di questo cronografo e vi erano già note le sue uniche caratteristiche?

4 Likes

Bellissimi pezzi.
Ho scoperto la referenza 3346 quando ho cominciato ad interessarmi alle casse Weems…

quando ti serve un orologio adatto anche alle situazioni piu estreme o oppure che duri nel tempo devi avere un movimento semplice e quindi statisticamente meno soggetto a rotture, perche banalmente ci sono meno parti in gioco.
è qui che scatta la geniale invenzione della ghiera…ecco che un solotempo diventa un chrono!
La referenza 3346 è importante perche unisce il meglio dei due mondi: chrono Monopulsante e ghiera

4 Likes

Grazie Giuseppe,
Io personalmente non lo conoscevo affatto. Più che un topic hai fatto un articolo ! @gaetan-one potrebbe interessare anche a Horbiter

3 Likes

Grazie mille @matteo ma non esageriamo @gaetan-one è un professionista io ho solo raccontato qualcosa :wink:

2 Likes

Due note: il quadrante California può aver ispirato quello dei Panerai? La seconda riguarda invece le dimensioni. Perché così ridotte?

1 Like

Secondo me sì perchè le prime forniture panerai erano Rolex.
Le dimensioni invece erano in linea con l epoca: negli anni 50 omega definiva “oversize” i 36mm e “jumbo” i 38mm
erano gli anni in cui avere movimenti piccoli e sottili era segno di grandi abilità costruttive

2 Likes

Ciao @gaetan-one per quanto riguarda il quadrante California se le date non mentono il primo Zerographe risale al 1937 quindi esattamente 1 anno dopo la nascita del primo Radiomir Panerai,questo mi porta a pensare che molta collaborazione tra i marchi in quegli anni c’è stata, idee, brevetti, obbiettivi nel raggiungere elevate profondità in mare ecc! Per quanto riguarda invece il movimento è stato uno dei primi movimenti in assoluto di Rolex ( considerata manifattura) anche se non erano interamente progetti e realizzati da Rolex ma applicavano modifiche in base alle loro esigenze sia tecniche che estetiche,le dimensioni così piccole concordo con @paolinodrummer in quegli anni la lotta era nel creare l’orologio più piccolo e complicato questo accentua quanto Panerai non fosse riusata ad emergere sul mercato realizzando casse molto importanti per le loro collezioni(tipo Radiomir e poi Luminor)

2 Likes

infatti panerai non vende al grande pubblico ma rimane una esclusiva militare fino al 1993…ricordo bene?

3 Likes


Horbiter Media Group 2020